Stampa

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 



 
Sono stati condannati dal Tribunale di Milano a pene fino a 7 anni e 8 mesi di reclusione undici ex dirigenti Pirelli accusati di omicidio colposo in relazione a una ventina di casi di operai morti per forme tumorali provocate dall'esposizione all'amianto.

Gli operai lavoravano negli stabilimenti milanesi (quelli di Viale Sarca e Via Ripamonti) tra gli anni Settanta e Ottanta.

 I giudici della sesta sezione penale di Milano hanno accolto la ricostruzione del pm Maurizio Ascione stabilendo che quei decessi erano legati alla presenza di fibre di amianto nelle due fabbriche. L'accusa era omicidio colposo aggravato.

Visite: 1005